News dalla stampa

Vaccini e scuola

Il decreto su "Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale" ha cominciato l’iter parlamentare per la conversione in legge. Aumenta il numero delle vaccinazioni obbligatorie, modulato per fasce di età:

  • i nati tra il 2001 e il 2011 dovranno essere in regola con 9 vaccini (difterite, tetano, epatite B, poliomielite, pertosse, emofilo, morbillo, parotite e rosolia);
  • i nati dal 2012 al 2016 dovranno aggiungere il meningococco C;
  • i nati nel 2017 anche varicella e meningococco B.

Senza vaccinazioni, i bambini da 0 a 6 anni non potranno essere iscritti al nido o alla materna. Per le famiglie dei ragazzi della scuola dell’obbligo sono invece previste sanzioni da 500 a 7.500 euro. All’atto dell’iscrizione i genitori dovranno esibire il libretto vaccinale completo o dimostrare di aver già richiesto l'appuntamento per le vaccinazioni mancanti. Sarà altresì possibile autocertificare la conformità vaccinale con l’obbligo di produrre la documentazione entro luglio.

SANTORIO FELLOWSHIP - FOR MEDICAL HUMANITIES AND SCIENCE

The FONDAZIONE COMEL – INSTITUTIO SANTORIANA announces an international scheme entitled to the Italian physician Santorio Santori (1561-1636), who introduced the quantitative method to medicine and is considered the father of experimental physiology.

AIM
The fellowship aims at encouraging cooperation amongst scholars across the Europe and is awarded to early career researchers (within 4 years from the PhD viva) and PhD students whose interests in the field of Medical Humanities (History of Medicine and Biology, History and Philosophy of Science, History of Ideas, Classics) are particularly strong and well recorded.
For the academic year 2016-2017, the scheme will support participants of the international conference Humours, Mixtures and Corpuscles. A Medical Path to Corpuscularism in the Seventeenth Century organised by Fabrizio Bigotti and Jonathan Barry.

APPLICATION PROCESS
5 Santorio Fellowships, worth of 500 euros each, will be offered throughout by means of an application process.
Applicants should send a title of their report provided with abstract (max. 300 words), CV (max. 2 pages) and a reference letter to santoriofellowship@fondazionecomel.org.
The deadline is 22 February 2017 with successful applications notified in March 2017.
For further details or queries please contact Dr Fabrizio Bigotti (f.bigotti@exeter.ac.uk).

Farmaci cinesi: risultati critici

Secondo un rapporto condotto dalla Food and Drug Administration cinese, riportato da Radio Free Asia e da International Business Times, l'80% dei test clinici sui farmaci condotti in Cina sarebbe a rischio di affidabilità. Nel corso di un anno di indagine, oltre 1600 test clinici di molecole in attesa di approvazione per il mercato domestico presentava dati incompleti, difficili da tracciare o che non soddisfacevano gli standard minimi di qualità.

Ipertesi 4 bambini su 100

Secondo la Società italiana di ipertensione arteriosa (Siia), il 4% dei bambini e ragazzi tra i 4 e i 18 anni ha la pressione alta e 4 bambini su cento sono ipertesi fin dalle elementari. Fra le cause la dieta scorretta - troppo sale e zucchero nei cibi – e uno stile di vita sedentaria caratterizzata da un uso eccessivo di internet e videogiochi: il 20,9% dei bambini nella fascia 8-9 anni è sovrappeso, mentre il 9,8% è obeso. Si consideri che un bambino sovrappeso su 20 ha la pressione elevata e un bambino obeso su 4 è iperteso. Pressione oltre i limiti anche per il 14% nella fascia di età 18-35 anni. Il congresso nazionale della Siia, in programma a Firenze dal 6 al 9 ottobre, affronterà il tema del rischio vascolare in collaborazione con la Società italiana di pediatria.

Aifa: la contraffazione dei farmaci

L’AIFA, per il tramite del suo ufficio Qualità dei prodotti e contraffazione, avverte che l’uso di canali diversi da quelli legali per rifornirsi di farmaci contro l’epatite C può comportare pericoli connessi alla insicurezza circa il principio attivo cercato. Fra i canali fuori controllo c’è l’acquisto via internet che non dà garanzie contro le contraffazioni.

Un organismo marino contro i sarcomi

Dal Congresso europeo di oncologia (Esmo) in corso a Copenhagen emerge che il sarcoma dei tessuti molli (Stma), tumore che può colpire ogni parte del corpo, può essere contrastato con l'Ecteinascidia turbinata, un piccolo invertebrato rivestito di cellulosa dal quale si è inizialmente ottenuta una molecola attiva contro il tumore oggi sintetizzata in laboratorio. Si tratta della trabectedina, molecola meno tossica rispetto alla chemioterapia convenzionale ed "oltre all'efficacia della terapia, il profilo di tollerabilità è molto buono: ad esempio, non diminuiscono i globuli bianchi, non cadono i capelli e quindi il trattamento è meno pesante per il paziente rispetto a quello tradizionale”. La terapia a base di trabectedina è approvata in più di 75 paesi nel mondo per il trattamento dei Stma in fase avanzata, dopo il fallimento della terapia standard con antracicline e ifosfamide o come trattamento di prima linea nei pazienti non idonei a ricevere chemioterapie a base di doxorubicina.

Tumore prostata: stessa sopravvivenza per chirurgia, radioterapia o sorveglianza

Il tasso di sopravvivenza a 10 anni dall'inizio del tumore è lo stesso (99%) sia con operazione sia con radioterapia o con una sorveglianza attiva secondo uno studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, condotto dall'Università di Bristol su 1643 pazienti con un tumore piccolo alla prostata. I soggetti cui il tumore era stato scoperto tramite la ricerca nel sangue del psa (l'antigene specifico per la prostata) sono stati monitorati attivamente o sottoposti a intervento chirurgico di rimozione del cancro o a radioterapia e sono stati seguiti per 10 anni: il tasso di sopravvivenza é uguale. A Cambia il rischio di effetti collaterali che aumenta con la terapia: raddoppia la possibilità di diventare incontinenti e avere problemi sessuali con la chirurgia, mentre con la radioterapia aumentano le probabilità di problemi all'intestino. Nel caso della sola sorveglianza attiva il tumore è cresciuto nel 20% dei casi. I risultati si riferiscono però solo al tumore allo stadio iniziale, perché contro quelli più avanzati non rimane che il modo aggressivo.

Stress meccanico da cellulare

Secondo uno studio dei ricercatori dell'Istituto di Neurologia dell'Università Cattolica del Sacro Cuore e della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma, pubblicato sulla rivista Clinical Neurophysiology, usare a lungo il telefono mobile può alterare la trasmissione dei segnali nervosi del nervo del braccio. L'uso del cellulare è in costante aumento e ne sono già stati considerati alcuni effetti collaterali negativi. In particolare sono tuttora in corso di esame gli effetti elettromagnetici dell’apparecchio su strutture biologiche quali il cervello, ma ancora senza risultati definitivi. Il gruppo di ricerca coordinato dal professor Padua ha studiato gli effetti meccanici determinati dalla postura che normalmente viene assunta durante la conversazione con il mobile: il gomito rimane piegato e questa postura prolungata causa uno stress meccanico sul nervo ulnare.

Medico e vaccini

Il medico che sconsiglia la vaccinazione, se non in casi eccezionali, è sanzionato e rischia fino alla radiazione. Secondo la Federazione nazionale degli Ordini dei medici (Fnomceo) i vaccini "proteggendo il singolo dalla possibile comparsa di gravi malattie, tutelano la comunità attraverso il così detto 'effetto gregge', quindi solo in casi estremi "il medico può sconsigliare un intervento vaccinale". "Il consiglio di non vaccinarsi nelle restanti condizioni, in particolare se fornito al pubblico con qualsiasi mezzo, costituisce infrazione deontologica", è chiarito nel documento approvato all'unanimità l'8 luglio scorso. "Nella storia della medicina i vaccini rappresentano una delle più grandi vittorie sulle malattie e sono tra i presidi più efficaci mai resi disponibili per l'uomo" rilevando che "la prevenzione e la scomparsa di malattie infettive, in passato tra i più terribili flagelli dell'umanità, costituiscono un successo senza pari e, senza dubbio, il più gran numero di vite salvate grazie alla scienza medica”. Fnomceo ricorda come "statistiche Usa dimostrano che le vaccinazioni hanno ridotto di più del 99% molte gravi malattie: del 100% polio paralitica, difterite e vaiolo, del 99% rosolia, rosolia congenita, morbillo, del 95% parotite, del 92% tetano e pertosse. “Ricordiamo altresì gli episodi epidemici di difterite in Russia, nelle repubbliche ex sovietiche, in Belgio e in Germania, di polio in Siria e in Olanda in comunità religiose che rifiutano le vaccinazioni, i casi di morbillo in California, i tanti Paesi in cui sono endemiche patologie scomparse là dove si è vaccinato in quantità sufficiente. A causa di questi episodi non si è' potuto raggiungere l'obiettivo della scomparsa globale di malattie gravissime che anzi sono ricomparse”.

Un'ora attività al giorno per 8 ore passate seduti

Pandemia globale di inattività fisica: la sedentarietà si connette a un aumentato rischio di malattie cardiache, diabete e alcuni tipi di cancro ed è associato a più di 5 milioni di morti l'anno. Serve almeno un'ora di attività fisica al giorno, come camminare di buon passo o andare in bici, per contrastare i danni causati dalle tradizionali 8 ore giornaliere sedentarie trascorse al lavoro. Un gruppo di ricerca dell'Università di Cambridge e della Scuola Norvegese di Scienze dello Sport ha valutato che chi siede per 8 ore al giorno, ma è fisicamente attivo, ha un rischio molto più basso di morte rispetto alle persone che trascorrono meno ore sedute, ma non fanno attività. È stato stimato che la sedentarietà costa all'economia mondiale oltre 67,5 miliardi di dollari annui in spese sanitarie e perdita di produttività, con un peso maggiore a carico dei paesi ad alto reddito: il 23% della popolazione adulta mondiale e l'80% degli adolescenti nel 2015 non ha rispettato le raccomandazioni dell'Oms circa l’attività fisica a moderata intensità.