Apocrifa

È uno spazio che, richiamandosi all’etimologia (nascosto, fuori dall’uso), ospita anche righe non politicamente corrette e (forse) fin errate, quantomeno per la comune opinione pro tempore maggioritaria, nella consapevolezza che lo scambio di idee, in buona fede, non sempre può essere ancorato alle certezze.

Totale articoli: 141

In gran parte degli Stati non esistono sistemi di governo democratici e, là dove ancora ci sono, essi mostrano non di rado difficoltà di varia natura. In Europa come negli Stati Uniti si osserva come

Ci sono settori o materie, se si preferisce adottare un approccio scolastico che potrebbe essere utilmente recuperato, in cui il nostro Paese è distante non solo dai livelli che ai recenti Europei di Atletica a Roma hanno fatto portare a casa meritati riconoscimenti, ma anche da una semplice medaglia di latta

Talete, dunque, il primo dei filosofi della nostra civilizzazione era di Mileto, colonia ionica caratterizzata anche da un particolare curioso: i primi coloni greci salpati dal Peloponneso e approdati sulle coste

Due aneddoti in merito, fra i numerosi possibili. Racconta Erodoto, con il suo usuale spirito di osservazione, che Aristagora tiranno di Mileto, messo al potere cittadino dai Persiani, si recò in Grecia per chiedere aiuto a favore della ribellione ionica contro il gran Re e che non convinse Sparta, ma Atene perché era più agevole convincere un'assemblea di numerosi Ateniesi piuttosto che un unico re di Sparta (nella specie Cleomene I, fratello di quel Leonida poi

Recenti memorie pubblicate da Francesco papa circa taluni avvenimenti nei conclavi cui egli partecipò hanno attirato, fra le occhiute attenzioni pro e contra che non da ora, ma usualmente convergono su questo pontefice, anche un garbato articoletto in cui il giornalista, non prendendo posizione diretta sul riferimento agli avvenimenti raccontati e pur tuttavia non celando un certo stupore a fronte delle rivelazioni, magnanimamente accredita al papa

(Ich bin der Geist, der stets verneint! Io sono lo spirito che sempre nega! Goethe, Faust, 1338). Goethe, che lavorò alla composizione del Faust per tutta la sua lunga e feconda vita da poeta, schizzò del male, nel suo poema personificato da Mefistofele, questo magistrale profilo: Sono lo spirito che sempre nega! / E questo con ragione; dato che tutto quello che sorge o nasce, / ha valore che vada a fondo; / quasi meglio sarebbe che nulla sorgesse o nascesse. / Così dunque tutto (ciò) che voi peccato